QS/6
Osvaldo Sanguigni
Nel decennio lungo


Quaderni di Slavia - 6
Nel decennio lungo - di Osvaldo Sanguigni

È uscito il nuovo libro di Osvaldo Sanguigni Nel decennio lungo dedicato al decennio 2001-2011, con uno sguardo al passato e al futuro.
L'autore tratta i temi della crisi economico-finanziaria globale, della globalizzazione, del declino dell'Italia e della crisi del suo debito sovrano. Analizza le strategie di uscita dalla crisi globale adottate su scala mondiale e nel nostro paese, sostiene che la crisi si conclusa solo momentaneamente e che il capitalismo non piú in grado di trovare una propria stabilizzazione, rendendo perciò necessaria e auspicabile la ricerca di un'alternativa ad esso globale e su scala nazionale.
L'autore analizza, anche, le vicende politiche, sociali ed economiche dell'Italia nel decennio lungo, la questione morale anche alla luce delle posizioni di Berlinguer, la politica estera italiana, in particolare i rapporti con la Russia di Putin, i movimenti sindacali e di protesta, studenteschi, femminili, la cosiddetta "rivoluzione dolce", le cause del fallimento del progetto berlusconiano, l'ascesa e la decadenza di "Cesare".


Un racconto sul recente passato, uno sguardo sul futuro mentre si leva il vento della speranza.
2001-2013: un viaggio nel tunnel senza luce, un periodo di grande bruttezza, crisi economiche, impoverimento, "rivoluzioni tradite", dominato dal "Grande Federatore" autore di un "autogolpe"
Nel libro si fa la storia del periodo forse piú duro attraversato dall'Italia dopo il 1948, durante il quale sulle spalle del popolo si sono riversati cataclismi, come la crisi economico-finanziaria globale, vicende interne assai gravi, oscure, indecifrabili, scandali. Al centro di queste vicende un personaggio, noto come il "Grande Federatore".
Il capitalismo e' come una nave senza bussola in un mare in tempesta, non ha e non dá futuro. Occorre cercare un'alternativa ad esso.



Osvaldo Sanguigni, giornalista, scrittore, autore di libri come Il fallimento di Gorbaciov, Putin neozar, Stalin Privato e pubblico, Il Cavaliere del nulla, Diario moscovita. E' stato collaboratore del settimanale politico Rinascita, diretto da Palmiro Togliatti, della RAI, di Politica ed economia e Critica marxista, de l'Unita', del Manifesto, di Rassegna Sovietica, Nuova Rivista Internazionale, di La Rinascita, della Rivista trimestrale, di Slavia e altre pubblicazioni. Ha tradotto dal russo in italiano alcuni importanti libri. Ha insegnato all'Istituto Orientale di Napoli e all'Istituto Togliatti di Frattocchie.